Informazioni - Stampa

I lavoratori australiani ammettono di non conformità e rischi per la sicurezza

Un dipendente aziendale su tre colpevole di aver inviato documenti di lavoro tramite account di posta elettronica personali

Agosto 29 , 2017 – I dipendenti stanno esponendo le più grandi organizzazioni australiane a minacce alla sicurezza salvando documenti di lavoro su dispositivi non protetti o utilizzando account e-mail personali, rivela una nuova ricerca della società leader nella produttività dei documenti Nitro.

Il sondaggio condotto su 300 dipendenti di grandi aziende*, dal livello iniziale al livello dirigenziale senior, ha rilevato un'importante disconnessione tra il comportamento dei lavoratori e le politiche IT, identificando al contempo la mancanza di standardizzazione del software come potenziale fattore di non conformità.

Nonostante la maggior parte delle aziende imposti quali software ( 88 %) e dispositivi ( 91 %) i dipendenti possono utilizzare, lo studio ha rilevato che i dipendenti continuano a creare rischi per la sicurezza utilizzando i dispositivi personali per il lavoro ( 52 %), inviando documenti relativi al lavoro tramite account di posta elettronica personali ( 38 %) e salvataggio delle comunicazioni o dei file di lavoro su dispositivi senza protezione tramite password ( 10 %).

Sorprendentemente, le pratiche di sicurezza rischiose non diminuiscono ulteriormente nella scala organizzativa. La ricerca ha rivelato che i dipendenti che vanno dal Manager alla C-Suite hanno ammesso la negligenza alla pari dei lavoratori minori.

I punti ciechi dei CIO lasciano i sistemi aperti al riscatto

Dato il numero crescente di epidemie di ransomware globali, inclusi due attacchi in due mesi che hanno colpito gli uffici australiani di Cadbury e DLA Piper , non è mai stato così importante per i CIO e i responsabili IT delle grandi organizzazioni ridurre al minimo tutte le potenziali vulnerabilità.

Il Direttore dell'APAC di Nitro, Adam Nowiski, afferma: “In un mondo in cui le violazioni dei dati sono sempre più comuni, permane una disconnessione tra le politiche di sicurezza delle più grandi aziende australiane ei comportamenti reali dei dipendenti. La sicurezza rimane una priorità assoluta per CIO e responsabili IT, ma richiede una cultura della conformità a livello aziendale per garantire il rispetto delle procedure".

"Il nostro studio ha rivelato che la standardizzazione del software è troppo spesso uno strumento trascurato nel kit dei CIO per tamponare potenziali perdite di dati e guidare il cambiamento culturale dall'alto verso un ambiente privo di soluzioni disparate, processi inefficienti e soluzioni rischiose per i dipendenti".

Sicurezza attraverso la standardizzazione digitale

La ricerca ha rivelato che prodotti software e versioni non corrispondenti causano problemi di conformità tra una parte significativa dei dipendenti, incluso uno su quattro ( 23 %) che ricorre all'utilizzo di dispositivi personali perché non dispone di software preinstallato adatto e 27 % che installano essi stessi software non autorizzato.

Oltre a creare potenziali rischi per la sicurezza, la mancanza di standardizzazione all'interno delle imprese australiane sta causando anche colli di bottiglia nella produttività della forza lavoro. Poiché molti dipendenti non sono dotati del software di cui hanno bisogno per svolgere attività chiave come l'apertura, la modifica, la firma e la protezione dei documenti, quasi un terzo ( 29 %) dei lavoratori deve inviare file a un numero limitato di "utenti esperti" che avere accesso agli strumenti giusti.

"Un ambiente 'shadow IT' di software non corrispondente e cicli di vita dei prodotti incoerenti rende quasi impossibile per i responsabili IT proteggersi dalle vulnerabilità della sicurezza", ha affermato Nowiski.

“Gli ambienti standardizzati consentono ai responsabili IT di concentrarsi sulla protezione e sull'ottimizzazione dei sistemi IT delle organizzazioni sulla base di versioni uniformi delle soluzioni. In Nitro lavoriamo a stretto contatto con i clienti per realizzare tali ambienti, fornendo supporto per la gestione del cambiamento e creando strategie pratiche che consentono di risparmiare tempo, denaro e risorse IT".

I risultati chiave della ricerca Nitro includono:

  • Disconnessione delle password: sebbene il 86 % delle aziende applichi procedure password complesse, come complessità delle password, rotazione o autenticazione a due fattori, un lavoratore su 10 ammette di lasciare comunicazioni di lavoro o file salvati su dispositivi senza password.
  • Mancanza di precauzioni per la stampa: un intervistato su 10 stampa documenti di lavoro sensibili senza distruggerli dopo l'uso. Nonostante ricerche precedenti che hanno rivelato una violazione dei dati su quattro in organizzazioni di 500 o più persone coinvolte in documenti cartacei , lo studio di Nitro ha rilevato che solo il 6 % dei partecipanti ritiene che la stampa di documenti sensibili senza distruggerli fosse la più probabile minaccia alla sicurezza dei dati per la loro organizzazione.
  • Necessità di una conformità top-down: una parte significativa di manager, dirigenti e persino dirigenti di C-Suite ammette di lavorare su dispositivi personali ( 55 %), inviando e-mail e file di lavoro tramite account e-mail personali ( 40 %) e il salvataggio di comunicazioni o file di lavoro su dispositivi senza protezione tramite password ( 10 %).

Nota per i redattori

*Sondaggio condotto tramite Pure Profile nel mese di giugno 2017 utilizzando un metodo di sondaggio online. Sondaggio completato da 300 australiani che lavorano presso organizzazioni con 500 persone o più.

Richieste sui media

Jordan Lambe jordan@keepleft.com.au 03 9268 7800

Molly Bruce molly@keeplieft.com.au

Futuro del lavoro

Il Rapporto sulla produttività di Nitro 2022

Scopri come la pandemia ha trasformato la produttività, i flussi di lavoro e le iniziative digitali, nonché le tendenze e le tecnologie che plasmano il lavoro in 2022 e oltre.