Informazioni sul prodotto
Note di rilascio

Nitro Sign Premium

Ultima versione 7.2.0
    • Data di rilascio: 2023-01-31

      Scoprire le firme elettroniche 14.2.0 nuove funzionalità e controllare i problemi risolti.

      Nuove funzionalità

      Configurare i certificati per i metodi di firma

      Nella scheda Impostazioni DSS nell'Indice di configurazione, può ora definire coppie di chiavi relative ai certificati per ogni comportamento di firma. Quando si crea un pacchetto nel Portale dei documenti o nel Portale dei modelli, l'iniziatore fa clic sul comportamento di firma di sua scelta e poi dispone di un elenco a discesa per scegliere tra le coppie di chiavi che sono state rese disponibili nella scheda Impostazioni DSS nell'Indice di configurazione.

      Riassegnazione dell'attore

      Dopo che un pacchetto è stato inviato nel Portale dei documenti, gli iniziatori (e non solo i firmatari o altri attori) possono intervenire riassegnando un pacchetto a un altro stakeholder mentre il pacchetto è in sospeso.

      In relazione alla funzione di riassegnazione dell'attore per gli iniziatori, sono disponibili nuove notifiche.

      Per l'iniziatore, vengono inviate le seguenti nuove notifiche quando un documento viene riassegnato:

      • pacchetto-ricevitore-assegnato-soggetto
      • pacchetto-ricevitore-corpo assegnato

      Per gli stakeholder, vengono inviate le seguenti nuove notifiche quando un documento viene riassegnato.

      • firmatario originale-assegnato-soggetto
      • firmatario originale-assegnato-corpo
      • soggetto originale-approvato-assegnato
      • corpo originale-approvato-assegnato
      • originale-formfiller-assegnato-soggetto
      • corpo originale-formfiller-assegnato
      • destinatario-originale-assegnato-soggetto
      • corpo originale-ricevente-assegnato

      Miglioramenti

      Ottimizzazione delle dimensioni dei file

      Una nuova impostazione di configurazione "IsOptimizeFileSizeEnabled" è disponibile nella scheda "Impostazioni del formato di firma". Attiva o disattiva l'ottimizzazione delle dimensioni del file durante la conversione da PDF a PdfA1A o PdfA2A. È disattivato per impostazione predefinita. Quando è abilitata, la dimensione del file viene ridotta, anche se questo può avere un impatto sulle prestazioni.

      Correlare la traccia di audit con i documenti firmati

      Per i documenti firmati, i pacchetti scaricati ora includono l'ID del pacchetto e l'ID del documento applicabili alla fine dell'avviso legale, in particolare per la firma dei campi.

      Gestione dei problemi

      Codice JiraCodice del problemaDescrizione
      CEP-9066/Correzione nel Portale Signer per abilitare le firme multiple in blocco.
      CEP-9306/Correzione della dimensione delle tabelle che porta a riempire la quota delle tabelle.
      CEP-11041/Correzione nell'API v4 per l'inserimento di elementi non posizionati tramite param Id o unplacedElementsId.
      CEP-11097/Correzione per rimuovere diverse librerie Microsoft (Azure) deprecate.
      CEP-11170/Correzione per consentire a eSignature di controllare le intestazioni prima della certificazione del cliente.
      CEP-1127900021048Correzione di RedirectURL nell'API v4 per evitare che i dati vengano omessi dopo il #.
      CEP-11323/Correzione per l'aggiornamento alla nuova versione della crittografia lato client in Azure Storage SDK.
      CEP-11530/Correzione per contrassegnare il campo password SMTP come campo password.
      CEP-11711/Correggere F2F itsme in modo che WYSIWYS chieda di passare all'ultimo firmatario.
      CEP-11715/Correggere l'Indice di configurazione per consentire il salvataggio delle modifiche nelle Impostazioni delle opzioni di firma.
      CEP-11728/Correzione dei timeout di CleanTokensCommand sui database Azure.
      CEP-1175800022450Correzione per seguire l'impostazione predefinita dell'ambiente quando alcune impostazioni sono impostate su null.
      CEP-11766/Correzione del pacchetto creato da un modello con un ordine casuale dei documenti.
      CEP-11879/Correzione per rimuovere la readline alla fine del migratore per consentire l'automazione.
      CEP-1188500023612Correzione dei timeout durante le conversioni PDF.
      CEP-11890/Correzione dell'API v3 per consentire la creazione di pacchetti istantanei.

      Problemi noti

      eFirme 6.4.0

      Codice JiraCodice del problemaDescrizione
      CEP-8766/Non è possibile firmare il mandato con la data di nascita utilizzando LuxID.

      eFirme 6.3.0

      Codice JiraCodice del problemaDescrizione
      CEP-8541/Problema di anteprima nella sezione Config Index Theme.
      CEP-8543/L'anteprima PDF dei documenti opzionali è decentrata sui dispositivi mobili.

      eFirme 6.2.0

      Codice JiraCodice del problemaDescrizione
      CEP-8371/Errore di strozzatura degli SMS OTP

      Limitazioni conosciute

      Generale

      • Un pacchetto non deve superare 150 MB.
      • Un singolo documento all'interno di un pacchetto non deve superare 30 MB.
      • Un singolo documento non deve contenere più di 30 campi di firma.
      • Un pacchetto può contenere un massimo di 15 documenti.
      • Un .xml non deve contenere più di 2 milioni di caratteri per file. Un pacchetto non deve contenere più di 15 .xml file.
      • I file di grandi dimensioni potrebbero influire sulle prestazioni della firma, a seconda della connessione Internet dell'utente.
      • I documenti le cui dimensioni fisiche superano 3.99 m per 3.99 m sono non supportati.
      • L'aggiunta di più iniziatori all'interno di un singolo pacchetto non è supportata.
      • Attualmente i pacchetti non possono contenere sia documenti XML che documenti PDF sui quali verranno apposte le firme. Il tipo di pacchetto è determinato dal primo documento caricato.
      • L'inserimento di una scheda davanti a un marcatore di testo in Word non è supportato. Invece di utilizzare le schede, utilizzi tabelle, colonne o caselle di testo. Se vuole ancora utilizzare le schede, converta il suo documento Word in PDF prima di caricarlo.
      • Quando utilizza Safari: dopo l'aggiornamento da una versione precedente, le verrà richiesto di uscire dal browser. Quando riapre il browser e le schede precedenti non si aprono automaticamente, non riutilizzi il link originale alla pagina di firma. Invece, vada su Cronologia > Riaprire tutte le finestre dell'ultima sessione.
      • Le applicazioni di progettazione nativa per DTP, CAD, ecc. possono generare documenti con un alto livello di complessità (numero molto elevato di elementi, vettori, immagini, ...). Ciò può comportare l'impossibilità di preparare il documento in tempi ragionevoli. Di conseguenza, sarà impossibile aggiungere questi file all'ambiente di firma (non attraverso l'API né nel portale dei documenti) a causa del timeout. Non è possibile sapere in anticipo se un documento complesso genererà un timeout o meno, poiché dipende da troppi fattori. Le applicazioni che generano questi tipi di PDF di solito hanno un'impostazione per creare un PDF adatto all'uso online. Consigliamo vivamente di utilizzare questa impostazione per ridurre la complessità del documento prima del caricamento.

      File PDF

      • I portfolio in PDF non sono supportati. Questo perché un portfolio PDF può contenere un'ampia gamma di tipi di file che non sono supportati da eSignature. Un portfolio PDF può contenere, ad esempio, messaggi e-mail, fogli di calcolo, disegni CAD, presentazioni PowerPoint, ecc. Di conseguenza, un firmatario sarà in grado di visualizzare e firmare solo il foglio di copertina PDF, e non i file effettivi contenuti nel Portafoglio, il che rende l'intero Portafoglio non valido.
      • Il caricamento di documenti PDF/A è consentito solo se il formato è PDF/A_2A o PDF/A_1A.
      • Il caricamento di documenti PDF/A a cui si aggiungono campi modulo in eSignatures API v4 interrompe la parte "/A" del PDF. Di conseguenza, i documenti finiscono in un normale PDF.

        Come soluzione, deve impostare il parametro TargetFormat nella chiamata al documento POST su PDF/A_1A o PDF/A_2A (a seconda del formato di origine). L'interruzione avverrà comunque, ma dopo che tutti i campi del modulo sono stati compilati o salvati, il documento verrà convertito nel formato di destinazione impostato, ottenendo di nuovo un documento PDF/A.

      La firma di Itsme

      (Si noti che queste limitazioni non si applicano quando si utilizza itsme tramite OpenID Connect)

      • Quando utilizza itsme come metodo di firma, il tipo di destinazione dei suoi documenti deve essere PDF/A_1A o PDF/A_2A. È responsabilità dell'amministratore assicurarsi che questi formati di output siano disponibili nella soluzione eSignatures dell'utente, ed è responsabilità dell'utente selezionare il formato di output corretto. Connective non esegue alcun controllo per verificare se è stato selezionato il formato di uscita giusto, in combinazione con il suo nome.
      • Quando utilizza la firma itsme nei pacchetti, ogni documento all'interno del pacchetto deve essere firmato individualmente, il che significa che QuickSigning non è supportato.
      • Quando si utilizza la firma itsme, i nomi dei documenti e dei pacchetti devono contenere solo caratteri che fanno parte di ISO 8859-15. Questo set di caratteri supporta la maggior parte dei caratteri usuali, ma alcuni caratteri generati dal software, come gli apostrofi arricciati e i trattini lunghi, non sono supportati.

      Firma iDIN

      • Eviti di utilizzare avvisi legali lunghi combinati con la firma iDIN, soprattutto quando invia pacchetti attraverso l'API. Se si utilizzano avvisi legali lunghi, il MerchantUrl supera il numero massimo di 512 caratteri.

      Firma di Swisscom

      • Quando utilizza la firma di Swisscom, il valore AdditionalSpace sotto DSS > Impostazioni generali > Impostazioni PaDES deve essere impostato su 20000 nell'Indice di configurazione eSignatures o DSS (a seconda di quello che sta utilizzando). 
      • Quando utilizza la firma di Swisscom nei pacchetti, ogni documento all'interno del pacchetto deve essere firmato singolarmente, il che significa che QuickSigning non è supportato.

      Regole di firma obbligatorie

      • Le regole di firma obbligatorie che sono state configurate nell'Indice di configurazione non possono essere sovrascritte utilizzando le chiamate API v4.
      • Quando si utilizza LuxID, si possono utilizzare solo le regole di firma obbligatorie basate su Nome e Cognome.

      Scarica le notifiche

      Può accadere che le notifiche di download vengano ancora gestite come spam / lette dal software di protezione URL, anche dopo averle inserite nella whitelist.

      Come soluzione, i destinatari della posta devono aggiungere l'URL all'elenco Microsoft Office 365 Advanced Threat Protection (ATP) Non riscrivere i seguenti URL .

      Prove di audit / Tracce di audit

      I certificati Certigna non sono supportati in combinazione con prove di Audit o Audit trail. Se nel suo ambiente sono richieste prove di audit e/o tracce di audit, deve utilizzare altri tipi di certificati.

      Informazioni sull'aggiornamento

      Se ha installato una versione di eSignatures precedente alla versione 7.2.0, consulti la Documentazione di installazione di Connective - eSignatures 7.2.0 - Documentazione di installazione per sapere come aggiornarlo alla versione 7.2.0.

    • Data di rilascio: 2023-01-31

      Scoprire le firme elettroniche 14.2.0 nuove funzionalità e controllare i problemi risolti.